Giovedì, 06 Settembre 2018

Permane per i pubblici esercizi l'obbligo di pagamento del canone rai tramite i bollettini postali

La Direzione Canone della Rai ha segnalato alla Fipe che nelle prossime settimane invierà comunicazioni informative ad una generalità di potenziali utenti speciali (anche nel settore dei pubblici esercizi), al fine di assicurare la conoscenza della normativa attualmente vigente in materia di canone speciale Rai ed evitare così che i contribuenti possano incorrere in involontarie violazioni tributarie.

Permane per i pubblici esercizi l'obbligo di pagamento del canone rai tramite i bollettini postali

La Federazione continua a perseguire l’obiettivo di ridurre tale obbligo tributario, chiedendo l’aggiornamento degli anacronistici criteri di calcolo ancorati alla classificazione dei pubblici esercizi secondo le categorie previste dal DM del 22 luglio 1977 e sollecitando la possibilità di introdurre abbonamenti che tengano conto delle specifiche esigenze delle attività commerciali, introducendo canoni su base mensile/bimestrale/stagionale.

Occorre poi segnalare che la RAI, anche grazie all’intervento di sensibilizzazione da parte della Federazione, sta applicando esclusivamente la tariffa relativa alla categoria D concernente i pubblici esercizi di terza e quarta categoria (la più bassa attualmente prevista per la categoria rappresentata).

Si rammenta che la recente modifica normativa introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 in materia di canone televisivo e l’introduzione della riscossione con addebito sulle fatture relative all’utenza elettrica, si riferisce solo al canone per le abitazioni private e non invece a quello speciale per i pubblici esercizi, per il quale resta in vigore la tradizionale modalità di pagamento attraverso i bollettini di c/c postale che la RAI invia alle imprese prima della scadenza.

E’ bene, altresì, ricordare che:

  • il presupposto impositivo è la mera detenzione di un apparecchio radio o TV (che sia dotato almeno di un sintonizzatore idoneo ad operare nelle bande di frequenze destinate al servizio radiotelevisivo – MISE note n. 12991/2012 e n. 9668/2016), a nulla rilevando l’eventuale destinazione dello stesso a usi diversi dalla visione della programmazione radiotelevisiva (ad esempio apparecchi televisivi utilizzati per la proiezione di immagini pubblicitarie);
  • il canone ha validità limitata all’indirizzo indicato nell’intestazione;
  • vi è l’obbligo, per le imprese e le società, di indicare nella dichiarazione dei redditi il possesso di apparecchi radio o TV ed il relativo numero di canone (art. 17 D.L. n. 201/2011, conv. in Legge n. 21/2011).

Per ogni ulteriore chiarimento, la Direzione Canone Rai mette a disposizione vari canali di contatto fra cui il numero verde 800.93.83.62, gli sportelli al pubblico delle Sedi Regionali RAI, nonché il sito web www.canone.rai.it.

Letto 96 volte

Cerca nel sito

Circuito 2100

banner ascom servizi

banner periodici confcommercio

lavora con noi

Newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Registrati per essere sempre aggiornato con le nostre iniziative.
Privacy e Termini di Utilizzo

banner 3-piccolo

banner confidi

banner iscom

banner sanitas

banner enasco

ascom cesena app iphone

ascom cesena youtube

Desideri ricevere ulteriori informazioni? Chiamaci allo 0547 639811 oppure scrivici!